Enrico Vetri

La mia Chernobyl

Un viaggio visivo ed emotivo tra quello che resta di una fiorente città
by Enrico Vetri

Disponibile Esaurito Non Disponibile

Project Description

La mia Chernobyl
Un libro di Enrico Vetri

Ogni fotografia porta con sé due componenti emotive: quella suscitata dall’immagine e quella provata da chi si trova dietro l’obiettivo.

L’obiettivo di questo foto-racconto è provare a fissare attraverso le parole e le immagini, le sensazioni scaturite dalla visita di un luogo che è stato teatro di una delle più grandi tragedie contemporanee. I dialoghi delle interviste alle persone che ne furono, all’epoca, inconsapevoli protagoniste, offrono una testimonianza emotiva che ancora si percepisce attraverso gli sguardi e l’espressione del viso dei sopravvissuti.

Enrico Vetri - La mia Chernobyl - Crowdbooks

Questo libro quindi non è un resoconto più o meno dettagliato degli eventi che hanno portato al disastro di Chernobyl, di cui peraltro esiste ampia ed autorevole documentazione, bensì una narrazione intrisa di emozioni e impressioni profonde dell’autore che, con parole e immagini, descrive ciò che ha visto e percepito da dietro la macchina fotografica, fino a immedesimarsi nel ruolo di un cittadino qualunque della Chernobyl prima dell’incidente.

Enrico Vetri - La mia Chernobyl - Crowdbooks

Il libro si suddivide in due parti principali:

La prima descrive la vita quotidiana a Pripyat attraverso le vicende di soggetti reali e le interazioni con le persone oggi conosciute con il nome di “Samosely” (letteralmente “reinsediati”), cioè coloro che furono evacuati subito dopo il disastro ma che rientrarono abusivamente nelle campagne attorno alla città per riappropriarsi della loro identità e del loro territorio. Questa sezione narrativa è stata costruita utilizzando i racconti e le testimonianze dirette dei Samosely incontrati dall’autore nel corso dei suoi viaggi a Chernobyl e nei dintorni, dove esistono ancora piccole comunità agricole che sopravvivono di qualche prodotto della terra e di un misero sussidio governativo.

Enrico Vetri - La mia Chernobyl - Crowdbooks

Si evince dalla lettura del testo quali fossero, prima del disastro, la prosperità di quel luogo e le speranze di un futuro radioso riposte nella tecnologia e nella capacità, promessa, di controllare l’energia atomica.

La seconda metà invece racconta tutte le sensazioni vissute in prima persona dall’autore, attraverso aneddoti e dialoghi che ha potuto intrattenere con i vari membri dei gruppi con i quali si è unito durante i suoi viaggi fotografici nelle visite a Pripyat e Chernobyl.

Enrico Vetri - La mia Chernobyl - Crowdbooks

Enrico Vetri - La mia Chernobyl - Crowdbooks

Sebbene siano narrate anche situazioni all’apparenza leggere, traspare sempre un grande rispetto per il luogo e per le persone che vi hanno vissuto. La fotografia legata alle attività di esplorazione urbana implica, infatti, l’accesso a siti in cui altre persone hanno vissuto e lasciato un’impronta indelebile delle loro abitudini.

Enrico Vetri - La mia Chernobyl - Crowdbooks

Troppo spesso però la loro originalità viene stravolta per creare set fotografici ad effetto, al solo scopo di catturare un’immagine che soddisfi la visione del fotografo, penalizzando totalmente il contesto. E quanto più un sito contiene tracce e oggetti di uso comune che raccontano di una quotidianità stravolta istantaneamente, più spinto è il tentativo da parte di taluni fotografi di esasperare ciò che già racconta di eventi dolorosi. Quanto invece traspare nella seconda parte del libro, è una sorta di rispettoso passaggio in punta di piedi da parte dell’autore attraverso luoghi, corridoi, stanze di cui cattura l’attuale stato di decadenza di Chernobyl senza quasi voler turbare l’essenza delle persone che ancora percepisce presenti.

Enrico Vetri - La mia Chernobyl - Crowdbooks

Nella sezione “Backstage” l’autore si propone di portare un contributo in termini di rapporti umani là dove questi non esistono più, attraverso la narrazione di episodi occorsi durante le escursioni in cui è messa in risalto la spontaneità delle persone e delle situazioni, diverse ovviamente per cultura e origine da quella che doveva essere la realtà di Chernobyl.

Il lettore è di fatto portato a compiere un viaggio visivo ed emotivo tra quello che resta di una fiorente città entrando in empatia con i sopravvissuti, quasi a sentirsi uno di loro, salvo accorgersi, a differenza di loro, di avere in tasca un biglietto per il viaggio di ritorno.

Specifiche libro

Larghezza:13.5cm
Altezza:20.8cm
Pagine:190
Lingue:Italiano
ISBN: 9788885608504
Categoria: LIBRI TESTO, Romanzo

Author Informations

NomeEnrico Vetri
Paese Italia

Biografia

Enrico Vetri nasce a Milano nel 1961.

Frequenta con assiduità più o meno continua gli studi fino a laurearsi in Geologia, intervallando il suo percorso didattico con viaggi che lo portano in Patagonia e in Medio Oriente, sempre accompagnato dalla sua analogica.

Sposato e con due figli, trova dapprima impiego in una multinazionale petrolifera, quindi in Università come ricercatore e in seguito nuovamente in un’altra multinazionale petrolifera, continuando a tenere viva la passione per la fotografia, fino a proporsi come fotografo freelance.

Alle immagini costruite o paesaggistiche preferisce i reportage fotografici e la street photography, specie quando attraverso gli scatti riesce a raccontare le emozioni del soggetto ripreso. Su segnalazione di sua figlia, conosce l’associazione culturale “I Luoghi dell’Abbandono” scoprendo così il mondo della fotografia UrbEx.

Ha collaborato in passato con scrittori affermati (Rossana Castiglia) illustrandone le poesie. Alcune sue foto sono raccolte nel volume “Umbria una foto al giorno del 2016”, venduto per sovvenzionare la ricostruzione delle zone terremotate del centro Italia.

È risultato tra i vincitori di un concorso nazionale che lo ha portato ad esporre le sue foto a Montone (PG) nel 2017 e per il secondo anno consecutivo ha vinto il concorso fotografico indetto dall’associazione Libera-mente.

Espone i suoi progetti fotografici presso l’ex OP di Granzette (RO).

Disponibile Esaurito Non Disponibile

Per favore aspetta...