Skip links

Malacarne – Kids come first

Un viaggio di tre anni attraverso le periferie di Palermo.
di Francesco Faraci
Product Signed

39,00

Disponibile Esaurito Non Disponibile ( 30 copie rimaste )

Preferito
Campaign added to favorites
Campaign removed to favorites
Share
share icon heart icon

Project Description

MALACARNE, Kids Come First.
Protagonisti del libro sono i bambini, raccontati in una selezione di oltre 70 immagini, raccolte nella pubblicazione edita da Crowdbooks, a cura di Benedetta Donato.

Come recita il sottotitolo, i bambini vengono prima di tutto il resto, anche in quelle realtà percepite ai margini della società, dove esistono leggi non scritte che, in alcuni particolari contesti, si è costretti a conoscere e ad assimilare come vere e proprie regole dello stare al mondo.

Ballarò, Monreale, Albergheria, Zen, Brancaccio sono un mondo in miniatura dotato di un’identità forte e ai limiti della legalità, sono solo alcune delle tappe tracciate nella mappa seguita dall’autore,  alla scoperta di quei quartieri che rappresentano veri e propri microcosmi, cui i bambini ripresi appartengono e in virtù di questo sono portatori di una particolare, forte e specifica identità.

Un’immersione profonda in un’umanità magmatica e vorticosa, piena di energia, spesso incontrollabile, condotta senza alcun pregiudizio. I protagonisti sono i bambini che vivono ai margini della società, obbligati a imparare la dura realtà del mondo che li circonda già nei primi anni di vita. Cep, Zen, Brancaccio, Sperone e Ballarò:

I benpensanti li chiamano i Malacarne termine che sta ad indicare persone di cui è meglio non fidarsi e che, nel gergo locale, si declina in una varietà di significati negativi, riconducibili e riferiti agli occupanti di determinate zone della città. Da qui nasce il lavoro del fotografo che decide provocatoriamente di iniziare da questa espressione popolare, per scardinare il luogo comune e ritrarre l’altro volto dei Malacarne: l’essere bambini, nonostante la realtà difficile in cui si consuma la fase dell’infanzia, per farne venir fuori tutta la forza, la vitalità e l’energia da essi trasmessa e catturata attraverso le immagini pubblicate in questo libro.

Comprendere un tessuto sociale significa stabilire con esso un patto di reciproca fiducia in cui l’uno tradisce l’altro e viceversa. Questi sguardi e queste storie definiscono una costellazione che conduce oltre la fotografia. I bambini di Malacarne sono anticonformisti, provocatori e ribelli, vanno dritti al punto, all’essenza, e per loro è difficile mentire anche quando vorrebbero e la maggior parte delle persone li reputa sono solo ladruncoli, piccoli spacciatori, teppisti e delinquenti.

Specifiche libro

Il libro Malacarne, Kids Come First è composto da 116 pagine, è rilegato in brossura cucita ed ha una copertina cartonata con sovraccoperta.é interamente stampato in bicromia, una vecchia tecnica di stampa che permette una riproduzione più profonda e intensa delle immagini mediante l'utilizzo di due soli colori, generalmente il nero ed un colore pantone.
Larghezza:16cm
Altezza:24,5cm
Pagine:112
Copertina:Copertina Rigida con sovraccoperta
Lingue:Italiano, English
ISBN: 978-88-941827-3-6
Categoria: Libri fotografici
Tag: Bambini, Francesco Faraci, Italia, Sicilia

Author Informations

NomeFrancesco Faraci
Paese<span class="ion-ios-location"></span> Italy
Sito webhttp://www.francescofaraci.com/

Biografia

Francesco Faraci (1983) è un fotografo documentarista nato, e tutt’oggi residente, a Palermo.

Ha studiato Antropologia e Sociologia all’Università di Palermo scegliendo la fotografia come mezzo d’espressione e ricerca.

Ha imparato dai grandi fotografi europei e americani (William Klein, Henri Cartier-Bresson, Robert Doisneau, Robert Capa) provando a definire un linguaggio fotografico personale. Il suo lavoro indaga su una serie di contraddizioni: i paradossi esistenziali, la convivenza di diverse culture della Sicilia e i suoi flussi migratori.

È sempre in viaggio per le strade della sua regione e dei paesi del Mediterraneo per raccontarne la realtà. Il suo lavoro è apparso su La Repubblica, Il Manifesto, Il Venerdì di Repubblica, The Globe and Mail, Time Magazine, Erodoto 108 e The Guardian. È anche un videomaker e uno scrittore.

Product Signed

39,00

Disponibile Esaurito Non Disponibile ( 30 copie rimaste )

Preferito
Campaign added to favorites
Campaign removed to favorites
Share
share icon heart icon

Per favore aspetta...